Bonus fiscali per le ristrutturazione

L’agevolazione fiscale sugli interventi di ristrutturazione edilizia, disciplinata dall’art. 16-bis del DPR 917/86, è stata più volte prorogata fino ad arrivare alla Legge di Bilancio 2017 che ha prolungato fino al 31 dicembre 2017 la possibilità di usufruire della detrazione Irpef pari al 50%, confermando il limite massimo di spesa di 96.000 € per unità immobiliare. Dal 1° gennaio 2018 la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di 48.000 € per unità immobiliare. 

 

DETRAZIONE PER L’ACQUISTO DI MOBILI E DI GRANDI ELETTRODOMESTICI

Il Decreto Legge n. 63/2013 ha introdotto una detrazione dall’Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), finalizzati all’arredo di immobili oggetto di ristrutturazione. La Legge di Bilancio 2017 ha prorogato questa detrazione fino al 31 dicembre 2017. Il principale presupposto per avere la detrazione è la realizzazione di un intervento di recupero del patrimonio edilizio su singole unità immobiliari residenziali o su parti comuni di edifici residenziali.

La detrazione spetta per l’acquisto di:

  • mobili nuovi, compresi i materassi e gli apparecchi di illuminazione;
  • grandi elettrodomestici nuovi di classe energetica non inferiore alla A+ (A per i forni).

L’importo detraibile deve essere calcolato sull’importo massimo di 10.000 € per singola unità immobiliare oggetto di ristrutturazione.

 

BENEFICIARI

L’agevolazione spetta sia ai proprietari degli immobili sia ai titolari di diritti reali/personali di godimento sugli immobili oggetto degli interventi e che ne sostengono le relative spese:

  • proprietari o nudi proprietari;
  • titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie);
  • locatari o comodatari;
  • soci di cooperative divise e indivise;
  • imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce;
  • soggetti che producono redditi in forma associata.

 

PER QUALI LAVORI SPETTANO LE AGEVOLAZIONI

I lavori sulle unità immobiliari residenziali e sugli edifici residenziali per i quali spetta l’agevolazione fiscale sono i seguenti:

  • interventi effettuati su tutte le parti comuni degli edifici residenziali;
  • interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo nonché ristrutturazione edilizia effettuati sulle singole unità immobiliari residenziali;
  • interventi per la ricostruzione e/o ripristino dell’immobile danneggiato da eventi calamitosi;
  • interventi relativi alla realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali;
  • lavori finalizzati all’eliminazione delle barriere architettoniche e atti a favorire la mobilità interna ed esterna all’abitazione per le persone portatrici di handicap gravi;
  • interventi relativi all’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi;
  • interventi volti alla cablatura degli edifici e al contenimento dell’inquinamento acustico;
  • interventi effettuati per il conseguimento di risparmi energetici e volti all’installazione di impianti basati sull’impiego di fonti rinnovabili di energia;
  • interventi per l’adozione di misure antisismiche;
  • interventi di bonifica dall’amianto e di esecuzione di opere volte a evitare gli infortuni domestici.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi